info@hcvfilatoio2440.it

News

Arrivederci a presto Simone

ATTENZIONE. Questa foto è un’opera di fantasia. Nomi, personaggi, istituzioni, luoghi ed episodi sono frutto dell’immaginazione dell’autore e non sono da considerarsi reali. Qualsiasi somiglianza con fatti, scenari, organizzazioni o persone, viventi o defunte, veri o immaginari è del tutto casuale.

Così sembrerebbe dopo che è arrivata la risposta della FISG in merito al nostro tesseramento di Simone Armand Pilon che era stato possibile effettuare in base alla apposita procedura del sito FISG Online.

La riportiamo nel nome della trasparenza di comunicazione verso i nostri soci e simpatizzanti.

Il tesserato ha giocato in campionati esteri la stagione 16/17 senza chiedere autorizzazione agli organi centrali della Fisg perciò agli atti non risulta nessun trasferimento. Anche si fosse trattato di trasferimento all’estero autorizzato dalla FISG, al rientro (visto che il rientro è avvenuto prima della prima finestra di svincolo) il giocatore sarebbe comunque rimasto vincolato con la vecchia società fino alla prima finestra di svincolo

Nulla viene detto sul perché risultasse quindi tesserabile al momento della nostra iscrizione al campionato, ma come già anticipato nei giorni scorsi prendiamo atto che tutti possono sbagliare e che quindi per qualche motivo oscuro il sistema informatico ha autorizzato la procedura prima che l’Hc Valpellice ne chiedesse la verifica ed emergesse quindi l’errore.

Ancora più curioso poi il fatto che Simone Armand Pilon abbia militato in ben due squadre straniere senza che agli atti degli organi centrali risultasse alcun trasferimento … ma perché stupirsi ancora?

Quello che invece ci piace evidenziare è che anche noi concordiamo pienamente sul fatto che Simone sia uno dei più luminosi prodotti del settore giovanile dell’Hc Valpellice, quella della presidenza prima di Fabrizio Gatti e poi di Mauro Ferrando e Roberto Barbero, che avendo dedicato investimenti e attenzione ai Bocia M’Pestà è riuscita a fare crescere sportivamente molti di questi ragazzi. Ragazzi che diventati oggi adulti, hanno deciso liberamente e legittimamente di sposare il progetto “Casa Valpe” proposto dalla Cooperativa HCV Filatoio 2440, o sono stati costretti a “emigrare” in altre società essendo venuta meno l’attività agonistica della propria società di appartenenza.

Per tale motivo seguiremo con affetto il cammino sportivo di Simone ovunque lo porterà nel prossimo futuro, consapevoli che quando vorrà e ne avrà l’opportunità, avrà comunque sempre il suo posto in famiglia a Casa Valpe.

La voglia di ghiaccio è tanta, per i nostri ragazzi mancano ancora (o solo più) 30 giorni, nei quali continueremo il nostro silenzioso lavoro di consolidamento del progetto avviato mesi fa.

Certi che aldilà delle denominazioni ritenute poco o tanto fantasiose e delle altre opere di ardita ingegneria che presumiamo verranno ancora costruite senza fondamenta su cui poggiare, a settembre, quando le lame affilate finalmente solcheranno il ghiaccio, sarà davvero difficile sbagliare strada per chi vorrà andare a Casa Valpe